Speranza

La ricetta della speranza (Parte 2)

Come ricorderai, la scorsa settimana abbiamo visto i primi due Step di autovalutazione del grado di speranza. Ora siamo pronti ad affrontare il terzo passaggio della “ricetta della speranza”.

È proprio qui che molti nodi vengono al pettine. Sono riuscita a superare indenne la voglia di ordinare una pizza, e passo a leggere gli ingredienti. Se sono fortunata, ho tutto in casa e sono pronta ad iniziare. Spero tu non abbia barato scegliendo una pasta aglio, olio e peperoncino… Se sei stato onesto, sono pronta a scommettere che ti renderai conto di non avere tutti gli ingredienti.

I casi tipici sono due:

  • elementi di base che hai finito e ti sei dimenticato di ricomprare (farina, zucchero, passata di pomodoro…);
  • ingredienti che non sapresti dove andare a cercare, o che comunque ti richiederebbero una gita apposita in un grande supermercato.

(Nota: nelle grandi città è tutto un po’ più facile. Immaginate di essere uno dei 66 abitanti di Castelmagno e di voler preparare il maiale allo zenzero: vi serve il daikon. Auguri.)

Lo Step 3 è questo: quando ti rendi conto che non puoi fare la “ricetta della speranza” perché non hai tutti gli ingredienti. O, magari, non hai la tortiera di cm. 26 di diametro, ma ce l’hai di cm. 24.

Cosa fai?

Per fortuna poi arriva lo Step 4 e, almeno qui, mi sento abbastanza forte: gran parte delle mie opere in cucina sono irripetibili, come le esecuzioni di Paganini, proprio perché combino e ricombino gli ingedienti senza farmi fermare dall’obbedienza cieca alla ricetta. Se sbaglio qualcosa prima di buttare tutto cerco di recuperare, a volte con soluzioni piuttosto creative.

Questa è la componente prettamente cognitiva, che potrei definire “flessibilità”. Si tratta di capire, ad esempio:

  • qual è l’impatto reale dell’ostacolo. La signora di Castelmagno che vuole preparare il maiale allo zenzero ma non sa dove cercare il daikon, potrebbe chiedersi: sarà poi una tragedia se non “cospargo le fette di carne con abbondante daikon grattugiato?”. Probabilmente no.
  • come posso superare l’ostacolo. È possibile che esista qualcosa con cui sostituire l’ingrediente incriminato: se non ho il burro posso usare l’olio di semi. O potrei chiederlo in prestito al vicino. O valutare se ho abbastanza tempo per fare un salto al supermercato.
  • Se non posso superare l’ostacolo in senso stretto, posso ridefinire in parte l’obiettivo, adeguandolo alle mie risorse. Se ho tutti gli ingredienti ma non ne ho abbastanza, posso modificare un po’ la ricetta? Riduco la quantità di zucchero, ma posso sostituire il cioccolato fondente col cioccolato al latte…

Le possibilità, noterai, sono infinite. Voglio sperare che tu non rientri nel caso estremo di abbandonare la ricetta perché ti manca il prezzemolo fresco con cui decorare la pasta al momento di servirla… anche se ho conosciuto persone che si avvicinavano molto a questo modello.

Probabilmente ti collochi a metà strada, ossia: sei disponibile a qualche “aggiustatina” ma se lo sforzo è troppo elevato piuttosto cambi ricetta – ossia cambi obiettivo.

In sé potrebbe essere la scelta giusta: poche cose sono dannose quanto il rimanere aggrappati ad obiettivi che, di fatto, non sentiamo più nostri.

Ma guardala, quell’immagine che ti ha colpito all’inizio.

Sei sicuro, proprio sicuro di non volerci provare, anche a costo di un risultato in parte differente dal previsto?

La ricetta della speranza è proprio questa, alla fine: avere chiaro in testa l’obiettivo, ma perseguirlo in modo flessibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per dare il tuo consenso al loro utilizzo, clicca l'apposito bottone. Se vuoi approfondire, puoi visitare la pagina dedicata per capirne di più Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi